venerdì 24 febbraio 2012

domenica 19 febbraio 2012

Un negoziante un giorno decise che voleva dare una mano a un paio di ex-galeotti.


Si recò quindi presso un’associazione che si occupava di recupero e reintroduzione nel mondo del lavoro e si fece organizzare un tot di colloqui.
Alla fine ne trovò un paio che gli sembravano affidabili e li portò in negozio per iniziare il tirocinio.
Durante la prima mattinata si fece dire per cosa erano stati condannati.
“Io ho strangolato mia suocera”, disse il primo.
“Io sono stato preso per aver sottratto denaro alla banca per cui lavoravo”, fu la risposta del secondo.
“Bene”, disse il negoziante, “Allora il primo si occuperà di sistemare gli scaffali e accogliere i clienti e l’altro starà alla cassa”.
“Sicuro della scelta?” chiese il cassiere.
“Be’ sì, il mestiere lo sai e voglio credere che il vizio ti sia passato. E poi lo sai come dice il proverbio,  quello che non strozza, in cassa

mercoledì 1 febbraio 2012

Trentino, il lupo torna sulle Alpi in Val di Non


Lo scorso 23 gennaio un lupo che gravita da tempo in alta Val di Non è stato ripreso con una fototrappola del Corpo Forestale Trentino (Stazione Forestale di Fondo); le immagini sono questa volta particolarmente belle e mostrano un animale molto timoroso nei pressi della carcassa di una cerva. Quando il lupo si accorge poi della presenza della fototrappola (nota i led debolmente illuminati) fugge precipitosamente.

Sembra dunque confermata la presenza di un animale solitario, che con ogni probabilità ha effettuato una lunga dispersione dalle Alpi occidentali. Dove il lupo è insediato con popolazioni vitali esso vive invece aggregandosi in branchi, costituiti solitamente da una coppia e dai figli (4-6 animali in media in Italia).
E' così ad esempio in Piemonte dove il numero di branchi varia tra i 15 ed i 20 e nel Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, dove i branchi presenti sono 8. Anche in quelle aree, densamente abitate e frequentate da numerosi turisti non è mai stato registrato alcun incidente ne manifestazioni di aggressività nei confronti dell'uomo
[fonte RepubblicaTV]

Certo che

con tutti 'sti smartphones, GPS, sensori di parcheggio, macchine che si parcheggiano da sole, cloud computing, tergicristalli automatici, [ad lib.] stanno tirando su una stirpe di idioti.
E in gran parte, direi, ci sono già riusciti.
Per esempio.
I sensori di parcheggio.
Qualcuno mi spiega il senso dei sensori di parcheggio?
Io coi sensori di parcheggio ci sono nato.
Si chiamano occhi e senso dello spazio.
Che, soprattutto il secondo, se non esercitati perdono di efficacia.
Come praticamente tutto.
Ci stiamo consegnando al GrandeFratello e siamo anche disposti a pagare un extra per farlo.